2019 Pisa 2019-05-15T09:51:32+00:00

2019 Pisa, Archetipi Spirituali.

Anna Chromy. Archetipi spirituali

L’arte è una delle più potenti leve verso il Cielo che l’uomo abbia a disposizione. Di fronte a certe opere possiamo sentir vibrare la scintilla divina in noi e giungere così alla profonda comprensione dell’esistenza di una realtà spirituale.
Mai come in quest’epoca la crisi economica, politica e sociale nasconde un travaglio prima di tutto interiore: l’umanità ha smarrito il senso perché, devota all’immanente, ignora sempre più l’infinito mistero della trascendenza.
Gli Archetipi, intesi come immagini primordiali e costanti culturali comuni tra popoli lontani nello spazio e nel tempo, col loro linguaggio simbolico possono risvegliare le forze interiori degli esseri umani. E di archetipi sono imbevuti i miti, racconti eterni con protagonisti dei ed eroi, che affondano le radici nell’esperienza e donano una comprensione intuitiva delle qualità essenziali dell’anima, indicazioni su come vivere il presente e nuovi orizzonti verso cui evolvere.
Anna Chromy, rivisitando alcuni miti greci nelle sue sculture, dà corpo a quella che è un’arte che potremmo definire spiritocentrica perché consente la comprensione e riaffermazione di principi e valori eterni dello spirito. Ogni sua opera non si esaurisce nelle parti che la compongono, né desta estetismo edonistico fine a se stesso: lungi dal suggerire una perfezione fredda, costituisce un punto focale in cui realtà e immaterialità s’integrano perfettamente.L’artista, fecondata dall’ispirazione, sviluppa e riveste di forma un’intuizione iniziale, manipolando la materia al fine di intrappolarvi bellezza e armonia, profezie laiche di un’iniziazione al sublime.
I miti realizzati da Anna Chromy permettono all’osservatore consapevole di disidentificarsi dalla propria individualità e considerare l’esistenza da un punto di vista elevato. Una volta superato il subitaneo incantamento generato dalla fisicità di queste opere, si può interrogarle sul loro messaggio profondo e scoprire l’alchimia celeste che le abita.
Bellezza, quindi, colpisce nella sua forma bronzea, diviene Bellezza morale nel mito ivi rappresentato e, infine, conduce a percepire una Bellezza eterna e incorruttibile. In questa verticalità di significanza, l’uomo si scopre vivificato in una regione invisibile, la coscienza, in grado di produrre effetti tangibili sul mondo.
Emerson dice che “quando i semidei se ne vanno, arrivano gli dei”, così l’arte di Anna Chromy nasce per condurre altrove, alla sorgente universale di energia ascensionale da cui si abbevera.

Serena Nannelli

Anna Chromy azzurro 2019 Pisa

Sisiphus

Anna Chromy azzurro 2019 Pisa

Chronos

Anna Chromy azzurro 2019 Pisa

Ulysses

Anna Chromy azzurro 2019 Pisa

The Cloak

Anna Chromy azzurro 2019 Pisa

Prometheus

Anna Chromy azzurro 2019 Pisa

Don Giovanni

Anna Chromy azzurro 2019 Pisa

Alcyon

Anna Chromy azzurro 2019 Pisa

Olympic Spirit

Anna Chromy azzurro 2019 Pisa

Poseidon

Anna Chromy azzurro 2019 Pisa    Anna Chromy azzurro 2019 Pisa    Anna Chromy azzurro 2019 Pisa    Anna Chromy azzurro 2019 Pisa    Anna Chromy azzurro 2019 Pisa    Anna Chromy azzurro 2019 Pisa    Anna Chromy azzurro 2019 Pisa    Anna Chromy azzurro 2019 Pisa    Anna Chromy azzurro 2019 Pisa    Anna Chromy 1200x500 2019 Pisa